Trovata la perdita del lago (2)

 

 

Dopo molte ricerche, che hanno visti impegnati sia l'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia, che molti gruppi di subacquei, finalmente è stato svelato il mistero della discesa delle acque del lago di Scanno.

Una scossa di terremoto avvertita solo da alcuni mitomani locali aveva aperto un buco del diametro di circa 30 centimetri sul fondo del lago, da cui fuoriuscivano circa 10 litri di acqua al secondo. Un nostro coraggioso redattore, anch'egli amatore subacqueo, ha immortalato i tecnici subacquei che sono riusciti a sigillare l'inghiottitoio, immettendo ad altissima pressione un composto di ARIA FRITTA e PATATONE GIGANTI.

subacquei lavoro 1

Il capo della spedizione ha confermato che ora si tratta di aspettare un altro poco di pioggia e lo scioglimento delle nevi primaverili, per ottenere di nuovo il livello di massima piena del lago. Prossimo appuntamento in autunno, per un convegno che si terrà presso i locali della Comunità montana Peligna, dal titolo "Vediamo chi la spara più grossa". Saranno invitati i corrispondenti delle maggiori "testate" locali!

Pasquale Caranfa